Cappella Ciccolini

streaming

gallery

gallery

gallery

Capella Ciccolini

header ciccolini

Per gratitudine verso la nobile Casa Ciccolini, che aveva aiutato la fabbrica del Tempio, fu accolta la richiesta di una cappella da edificarsi ed onorarsi a proprie spese. Avutala nel 1567, fu terminata nel 1594; la pala dell’altare però porta la data del 1600 ed è firmata da Giuseppe Bastiani, detto Giseppino da Macerata, autore di tutto il complesso pittorico della cappella.
Rappresenta S.Francesco orante sotto la gloria della vergine Incoronata. La testa del santo, grave e pensosa, è penetrata di alto misticismo; le mani allargate implorano un raggio della luce suprema che si irradia al di sopra, tra il guizzo dei serafini e la melodia di strumenti celestiali. A sinistra un affresco narra la gloria della Natività. In  alto è una festa di bimbi alati che tripudiano, recando la legenda “Gloria in excelsis Deo”. In basso la pia Madre si curva adorante sul neonato Messia, inondata dalla sua luce, con i pastori che guardano attoniti. (Oggi recenti restauri hanno eliminato le sovrapposizioni più recenti)
A destra: la circoncisione di Gesù. Il colonnato che sfugge verso il centro dà profondità prospettica, mentre la pendula lampada arricchisce la scena di misticismo.
In alto a sinistra, la Strage degli Innocenti; in centro Angeli adoranti lo Spirito Santo; a destra S. Giuseppe svegliato dall’Angelo, e la fuga in Egitto.
Nel fondo l’Annunciazione, spartita in due mezze lunette divisa dalla finestra.